Osservazioni

News, risorse audio e video relative alle attività di osservazione realizzate dagli istituti di ricerca e dagli osservatori.

Il Radiotelescopio e il Laboratorio di Radioastronomia

Creato il Ven, 26/02/10 da OAVP

L’Osservatorio Astronomico di Luserna si caratterizza dal punto di vista scientifico, tra le altre cose, per la presenza e l’utilizzo di un radiotelescopio di 8 metri di diametro. Tale radiotelescopio, costruito in loco dai membri dell’associazione ed installato nel cortile antistante l’Osservatorio, permette la ricezione di segnali dallo spazio e l’eventuale trasmissione, verso corpi celesti, di segnali utili per indagare sulla morfologia degli stessi, analizzandone il segnale di ritorno/ rimbalzo.

Telescopio RC 400

Creato il Ven, 26/02/10 da OAVP

L’osservatorio è dotato di un telescopio RC 400 con camera CCD Apogee installato in cupola gestito dalla sala di controllo sottostante per mezzo di due PC. All’esterno, in postazione fissa sotto opportuni ripari, si trovano alcuni telescopi utilizzati per osservazioni visuali: un SC 350, un Newton 300 e un SC 275. Due piccolo telescopi in parallelo su un’unica montatura sono dedicati all’osservazione Solare in luce bianca e H alfa tramite telecamere.

Resto di supernova M 1

Creato il Dom, 21/02/10 da OAVP

M 1 fu osservata già da Charles Messier nel XXVIII secolo (è infatti il primo oggetto del suo catalogo astronomico) ed è collocata nella costellazione del Toro, presso la Zeta, cioé la stella che identifica il corno "basso".

E' un resto di supernova generato da una stella collassata nel 1054 ed osservata sia dagli astronomi cinesi sia coreani del periodo.

M 1 È il primo resto di supernova di cui è certa la data d'esplosione ed è osservato con molto interesse dagli astronomi perchè ci fornisce preziose informazioni sull'evoluzione nel tempo del guscio di materia in espansione dalla stella

Ammasso globulare M 3

Creato il Gio, 18/02/10 da OAVP

L'ammasso globulare M 3 fu scoperto da Messier nel 1764. Questo ammasso è la prima scoperta originale di Charles Messier, che lo registrò il 3 marzo 1764.Si trova nella costellazione Cani da Caccia e rappresenta uno degli ammassi globulari più belli da osservare e più ricchi: contiene qualcosa come mezzo milione di stelle e può essere osservato anche con un semplice binocolo.

La fotografia è realizzata dall'Associazione Astrofili Urania mediante i telescopi dell'Osservatorio Astronomico Val Pellice.

M 31- Galassia di Andromeda

Creato il Gio, 18/02/10 da OAVP

M31 è la famosa galassia Andromeda, la galassia più grande a noi vicina che forma il Gruppo Locale di galassia insieme alle sue compagne, alla nostra Via Lattea e ad M33

Visibile ad occhio nudo sotto cieli moderatamente bui, questo oggetto era noto come la "piccola nube".

Condividi contenuti